Les Magnifiques @ Archimede 43

Les Magnifiques - Ritratto Scomparso - Riccardo Martinelli
Les Magnifiques / Il Ritratto Scomparso (locandina della mostra)

In occasione del ciclo di incontri Ut pictura poesis
Presentazione del libro Il ritratto scomparso di Patrizia Debicke van der Noot,
In concomitanza con la mostra Les Magnifiques che presenta alcune opere
dell’artista Riccardo Martinelli.
a cura di Luca Temolo Dall’Igna

Venerdì 30 giugno, ore 19.00 (presentazione del libro e inaugurazione mostra),
1 e 2 luglio dalle 16.00 alle 18.00 (solo mostra)

presso lo studio dello scultore Francesco Virgata
Via Archimede 43 – Milano

Scarica il comunicato stampa in pdf

Riccardo Martinelli al lavoro - Les Magnifiques
Riccardo Martinelli al lavoro – Les Magnifiques

Cartella stampa

Les Magnifiques

Il progetto

Le opere che compongono la serie “Les Magnifiques” a un primo sguardo potrebbero apparire come ritratti in abiti d’epoca di ottima fattura, ma sono molto altro.

La minuzia con cui è reso ogni particolare non è mai fine a se stessa, ma si fa tramite per un’esplorazione profonda delle espressioni del volto, delle intenzioni e dei sentimenti dei protagonisti.

Il loro sguardi, facendosi forti dei sontuosi abiti e delle magnifiche gorgiere, dialogano con l’ambiente che li circonda e, attraverso gli oggetti che li accompagnano, raccontano la loro storia.

Il foglio di carta diventa un teatro dove i personaggi sono attori con un monologo da recitare. Allo spettatore che si trova “in ascolto” è offerta la possibilità di immaginare ciò che è accaduto prima di questo momento in cui li troviamo e tutto ciò che deve ancora accadere.

La tecnica

Il progetto è realizzato con la tecnica della penna a sfera (BIC), qui arricchita con lumeggiature eseguite a matita bianca o acquerello.

Una tecnica ancora poco diffusa che offre all’artista l’opportunità di arricchire il suo lavoro sia dal punto di vista tecnico che espressivo mettendolo di fronte a nuove opportunità espressive, ma anche ad alcune difficoltà oggettive con cui confrontarsi: l’errore non concede rettifica, ma deve essere “considerato” e quindi reso parte dell’evoluzione dell’opera.

Attraverso un paziente lavoro si ottengono le sfumature dei mezzi toni e una splendida intensità di neri. Il tratteggio infine diventa un tessuto prezioso dove stendere gli elementi del disegno.

Le opere

Come definire queste opere che compongono il ciclo “Les Magnifiques“?
L’esperienza e la tradizione porterebbero a considerarle dei disegni, e questo è un dato di fatto innegabile. Ma per il tipo di utilizzo del tratto e della materia da questo prodotto, la struttura compositiva, e il procedimento con cui ogni opera prende forma la fanno diventare, a mio parere, qualche cosa di diverso. Siamo infatti già nell’ambito del “pittorico” senza però che ci sia pittura. Sono opere “importanti”, sia per la resa visiva e l’attenzione che richiedono allo spettatore, sia per la minuzia, la dedizione e l’impegno che richiedono all’autore. Ci vogliono fino a un centinai di ore per produrre un magnifico di formato A4…

L’artista

Riccardo Martinelli, nasce nel 1973 sulla montagna Pistoiese. Dopo l’istituto d’arte si trasferisce a Bologna e si iscrive al DAMS (Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia di Bologna.

Alla fine degli anni novanta arriva a Milano dove inizia a lavorare nel mondo della comunicazione e della grafica. In questi anni studia e pratica teatro con particolare interesse per la regia.

Durante il 2011/2012 frequenta il corso di figura della scuola del Castello Sforzesco di Milano con il maestro Alberto Rovida. Nel 2014 diventa allievo del maestro incisore Gigi Pedroli, fondatore del Centro dell’Incisione del Naviglio a Milano.

La sua ricerca artistica si lega fin da principio alla rappresentazione della figura umana, ritratto e nudo. I progetti su cui sta lavorando attualmente esplorano anche la struttura di elementi naturali con fascinazioni nell’ambito dell’informale.

Penna a sfera, acrilico, acquerello, grafite e acquaforte sono le tecniche con le quali sta costruendo il suo linguaggio visivo.

Recensioni:

Riccardo Martinelli è un artista che reputo tra i più interessanti in questi anni italiani. Il suo realismo onirico è tanto figurativo quanto ipnotico... Invito chiunque a visionare dal vivo queste incursioni 
post-barocche, che fanno deflagrare l’arte del ritratto, sorprendente e spiazzante ad altezza 2017.
Giuseppe Genna (scrittore)

Nonostante la perfezione, il segno di Riccardo Martinelli non è borioso, si mette al servizio e si ritrae, per cogliere una ad una le emozioni e rivelarne la complessità. 
Greta Beneforti (art director)

Martinelli non indulge all’accademia, ma alla più pura tradizione toscana quella del disegno, cui aderisce con piglio sicuro, scevro da incertezze, declinando la classicità in un ossimoro tra antico e moderno, dove la composizione si ricompone spesso in morbida armonia dal gradevole impatto visivo. 
Pamela Galloni (scrittice e insegnante)

Potremmo definire Martinelli un instancabile ricercatore, che non si accontenta dei primi positivi risultati, ma va costantemente oltre. 
Sauro Romagnani (giornalista)

Scarica il comunicato stampa in pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *